Bello, sostenibile e Made in Italy: NON  è la nuova frontiera italiana del cashmere
, / 117 0

Bello, sostenibile e Made in Italy: NON è la nuova frontiera italiana del cashmere

SHARE
Bello, sostenibile e Made in Italy: NON è la nuova frontiera italiana del cashmere

L’Italia è senz’altro tra i maggiori produttori più attenti nella scelta del cashmere, curando dettagliatamente non solo la qualità, la rifinitura, e l’attenzione alle ultime tendenze ma anche preoccupandosi di quanto un capo in cashmere sia eticamente rispettoso dell’ambiente.

Il cashmere ultralight è una scelta decisiva in questo senso, a cui si aggiunge la scelta ulteriore di utilizzare un cotone organico ultrafine, ma soprattutto le tinture naturali, a base di foglie, erbe e radici, senza mescolarle con alcuna sostanza chimica. Il brand italiano NON, sotto l’occhio attento di Alberto Zanone, è uno dei marchi che ha trasformato questa scelta in un modello di business oltre che una filosofia caratterizzante del brand. Attualmente è infatti l’unica azienda al mondo a non fare uso di sostanze chimiche.

Risultati immagini per non cashmere

Un capo NON è prima di tutto ecosostenibile, attento quindi all’ambiente: in questo modo si riducono gli scarti industriali, ma si ottiene anche un capo salutare, puntando su una maglieria a bassa tossicità e ipoallergenica. Ma non finisce qui, perché il marchio ha scelto anche di guardare ad un target sempre più ampio, scegliendo un prezzo maggiormente accessibile a tutti: in questo modo per molti il sogno di poter riempire l’armadio di qualche capo in cashmere in più trova la sua piena realizzazione.

Ciò è stato possibile grazie al pieno controllo che NON detiene sulla filiera produttiva: occupandosi personalmente quindi di ogni fase del processo di lavoro, fino al prodotto finito, si riducono di gran lunga i costi di produzione.

Risultati immagini per non cashmere

Nasce così una collezione fatta di pochi modelli, ma classici ed iconici, linee basiche proposte in sei gradazioni di colore, partendo dal beige fino ad arrivare al blu, esaltando quel tocco di evergreen che per fibra e colore da sempre distingue il cashmere da tutti gli altri filati.

Related Article

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: