Technical Cashmere: la rivoluzione del marchio Kit and Ace
, / 1258 0

Technical Cashmere: la rivoluzione del marchio Kit and Ace

SHARE
Technical Cashmere: la rivoluzione del marchio Kit and Ace

L’innovazione può dare spunti e idee sempre nuovi: sono infatti tante le aziende che non fermano mai la propria attività di ricerca per realizzare linee sempre nuove, migliorare la qualità delle proprie realizzazioni e cercare il modo più originale per rendere i propri tessuti accattivanti.

La linea sportiva Lululemon, che ha dato vita ad una deliziosa e pratica linea d’abbigliamento per lo yoga e il fitness, ha deciso di moltiplicare le proprie possibilità di espressione creando il marchio “Kit and Ace”, una linea d’abbigliamento interamente realizzata in un cashmere molto particolare, il “technical cashmere”. La linea celebra l’eleganza del lusso, rendendolo allo stesso tempo “pratico”: sappiamo bene che la qualità e il benessere che offre il cashmere richiede anche tanta cura, e questo tipo di cashmere vuole proprio ovviare a questo problema.

E’ una linea che nasce quindi per persone dinamiche, che non possono rinunciare al lusso nel proprio stile ma che non hanno modo di prendersene cura. Il technical cashmere è composto infatti dall’81% di viscuna, 10% di elastane e 9% di cashmere, e la sua realizzazione ha richiesto ben due anni di sviluppo e lavoro. Il concept fa del bianco e del nero i colori cardine, anche nelle loro sfumature, e re indiscussi del lusso contemporaneo riletto in un’eleganza naturalmente quotidiana.

Si tratta di una novità assoluta, che nasce su idea di Shannon Wilson e di suo figlio JJ, desiderosi di trasformare un tessuto di alto valore e lavorazione in forme più accessibili: il grande pregio del technical cashmere è che può tranquillamente andare in lavatrice senza subire alcun tipo di danno, perché mantiene la sua forma senza il rischio di essere ridotto in lavatrice.

“Abbiamo esaminato tutti i modi possibili per migliorare e stabilizzare la tenuta di un capo che conserva il lusso, ma rendendosi fruibile, portatile e funzionale”, ha spiegato JJ Wilson.

Related Article

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: