Brunello Cucinelli e la scommessa sul Made in Italy: sull’Italia si può ancora scommettere
, / 1239 0

Brunello Cucinelli e la scommessa sul Made in Italy: sull’Italia si può ancora scommettere

SHARE
Brunello Cucinelli e la scommessa sul Made in Italy: sull’Italia si può ancora scommettere

Una domanda necessaria da porsi oggi è qual è il valore assunto da Made in Italy, e sopratutto, è ancora possibile scommettere sul Made in Italy? Moltissimi sono infatti oggi gli imprenditori che decidono di delocalizzare le proprie imprese, scommettendo sui Paesi dell’Est in cerca di fortuna e merito.

C’è però anche chi decide di restare: a guardare la storia e i risultati raggiunti da Brunello Cucinelli sembra infatti che spesso sono la passione e la dedizione a fare la differenza, parole a noi sconosciute un po’ a causa dei ritmi frenetici, della voglia di arrivare e realizzare introiti, che spesso distraggono dalla mission più “umana” dell’impresa. A guidare Brunello Cucinelli infatti è stato prima di tutto il desiderio di proporre al cliente un prodotto speciale, unico, che parlasse dell’uomo e della sua terra. E’ nata così la scommessa sul Made in Italy, come ha spiegato anche in uno speciale del programma d’inchiesta giornalistica Report: “Il Made in Italy ha un valore altissimo. Se io avessi quest’impresa non Italia non avrebbe lo stesso fascino”, ha spiegato l’uomo oggi conosciuto come il Re del Cashmere.

Cucinelli non solo ha creduto nell’Italia, nelle sue risorse e potenzialità, ma ha saputo anche investire sulle persone a cui l’imprenditore riconosce un valore altissimo ed un ruolo insostituibile per mandare avanti l’azienda. E’ per questo che Cucinelli non ha solo portato in giro nel mondo il valore inestimabile del capo in cashmere prodotto in Italia, ma ha anche spinto quegli italiani che lavorano con lui a sentirsi parte di questo successo, premiandoli con uno stipendio più alto ma anche con rilevanti attestati di stima.

E’ verso questo ritorno all’umano, all’amore per il lavoro come possibilità di crescita e condivisione che deve ritornare l’azienda italiana per poter fare un’ulteriore passo avanti.

Related Article

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: