Come scegliere il cashmere: pillole di shopping dal Chicago Tribune
, / 1729 0

Come scegliere il cashmere: pillole di shopping dal Chicago Tribune

SHARE
Come scegliere il cashmere: pillole di shopping dal Chicago Tribune

Qualità, morbidezza e benessere. Sono questi gli ingredienti che rendono il cashmere differente da tutti gli altri materiali. Basti pensare che il cashmere è otto volte più caldo della normale lana, ed è anche più leggero: ma parliamo naturalmente di un cashmere al 100% di buona qualità.

Capita a molti di noi di andare alla ricerca di affari in cashmere a buon prezzo, ma spesso si viene così conquistati dall’idea di riuscire a trovare un maglione a buon prezzo che ci si dimentica dell’importanza della qualità, un fattore che rende a fibra particolarmente pregiata. Anche gli americani con i loro numerosi centri commericiali vanno a caccia del cashmere a buon prezzo, e i loro esperti si sono espressi sulle pagine del Lifestyle del Chicago Tribune per dare un po’ di dritte sul come fare un buon acquisto.

Il prezzo sembra essere l’elemento principale a cui appellarsi per fare i nostri acquisti, e a spiegarlo è Karl Spillhaus, presidente del Cashmere and Camel Hair Manufacturers Institute di Boston che definisce la differenza di prezzo come un primario indice di qualità. Questo perchè dietro un maglione di cashmere c’è una storia lunga ed importante: una capra della Mongolia impiega quattro anni per far crescere il vello necessario alla realizzazione di un maglione cashmere. In seguito il vello è lavato e selezionato a mano, e vengono scelte solo le fibre più lunghe e fini indispensabili per definire la qualità del maglione. I migliori vengono dall’Europa, in particolare le portabandiera del cashmere sono l’Italia e la Scozia, anche se ultimamente anche la Cina sta iniziando a farsi strada in una produzione di discreta qualità.

Certo c’è chi preferisce un cashmere ad un prezzo minore rispetto a quelli Made in Europa, ma quello che sottolinea Spillhaus è l’importanza di saper fare acquisti consapevolmente. La questione quindi passa all’analisi delle fibre, e quella del cashmere vanno dai 2 cm ai 6, delineando una gamma che va dal più economico a quello di lusso. Acquistare quindi un capo a fibre miste, vuol dire risparmiare ma sapere che in questo modo si sacrificherà la morbidezza, la leggerezza e le proprietà isolanti del cashmere.

Related Article

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: