A Brunello Cucinelli la Cittadinanza onoraria di Passignano

Se l’anno scorso Brunello Cucinelli si è portato a casa un fatturato in crescita e un affetto inestimabile da parte dei suoi dipendenti per quel graditissimo regalo di Natale in anticipo, degli introiti in più da dividere con il suo staff, quest’anno l’imprenditore umbro si porterà un ricordo in più di questo 2013: il re del Cashmere si è portato infatti a casa la Cittadinanza onoraria di Passignano.

Non è la prima volta che Cucinelli riceve un titolo prestigioso, ma anzi la Cittadinanza si aggiunge ad un riconoscimento come Cavaliere del Lavoro e una laurea in Honoris Causa in Filosofia ed Etica dei rapporti umani datagli dall’Università degli Studi di Perugia. E adesso arriva una Cittadinanza ricevuta da un unanime consiglio comunale della cittadina su iniziativa del vicesidaco Eugenio Rondini,  con delega alla valorizzazione e promozione di Castel Rigone, la terra che ha dato i natali a Cucinelli.

La delibera che accompagna l’atto l’amministrazione comunale di Passignano ha sottolineato come Brunello Cucinelli, in quanto imprenditore filosofo abbia saputo conciliare diverse finalità della vita imprenditoriale, valorizzando bellezza ed etica e fornendo così un gradito esempio. Forte il legame inoltre che egli ha sempre conservato con la sua terra d’origine, anche con la valorizzazione dello sport aiutando la squadra di calcio di Castel Rigone ad arrivare sino alle Lega-Pro ma anche con un’attenzione mirata alla cura degli stadi, perchè ospitino anche sempre più famiglie. Un riconoscimento quindi che ringrazia Cucinelli per tutte le sue attenzioni, dalle più piccole alle più grandi, che hanno apportato e apportano benefici alla comunità della piccola frazione.

Related Article

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: