Gentryportofino: un cashmere ora tutto modenese

E’ oramai diventato tutto modenese il marchio che da sempre ha fatto del cashmere e della lana il suo punto forte: nasce a Genova nel 1974 e nella sua lunga carriera può vantare di aver avuto grandissimi designer come Enrico Coveri, Martin Margiela, Saverio Palatella e Gianfranco Ferrè. Il vero rilancio del marchio però arriva nel 2011 quando il gruppo Olmar and Mirta, azienda italiana modenese di successo, con sede a Concordia e nota per aver curato la produzione e la distribuzione di diversi marchi internazionali, crea un vasto progetto che vede l’apertura di numerose boutique monomarca nelle più importanti città italiane oltre che nelle località turistiche italiane e straniere più gettonate. Si uniscono così un’azienda maestra nell’abbigliamento ed un marchio di lusso.

Il gruppo però che ha rilevato il marchio con tutto il suo maglificio, si occupa così di un restyling che non guarderà unicamente la distribuzione ma anche la produzione, puntando su un team di giovani designer e diversificando qualità, stile e modernità pur restando sempre fedele al tono sofisticato ed elegante che da sempre hanno distinto il marchio. Al centro infatti vi è ancora il cashmere, lavorato e trattato in interpretazioni sempre nuove.

Obiettivo però di Olma and Mirta sotto la guida dell’imprenditore Giambattista Tirelli è quello anche di portare alto il nome del Made in Italy: non è un caso infatti che al momento la distribuzione sia proprio concentrata sul territorio nazionale, con il desiderio di investire sulle nostre risorse prima ancora di affacciarsi verso l’estero.

Sul sito ufficiale trovate gli indirizzi di tutte le boutique aperte nel programma di rilancio.

Related Article

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: