Scozia: storia di un’antica produzione tessile, gli Scottish Borders

La Scozia vanta un’antica e particolare produzione tessile; in questo Paese a nord dell’Inghilterra, a poca distanza da Edimburgo sorge la regione degli Scottish Borders, un agglomerato di piccole cittadine dedite alla tessitura;  regno incontrastato di prodotti tessili di livello internazionale nella terra dei Celti; l’industria di tessuti degli Scottish Borders è famosa e apprezzata in tutto il mondo. Per secoli e secoli in quei luoghi si è lavorato con le più antiche e tramandate tecniche artigianali per creare indumenti di alta qualità con i filati più preziosi quale è il cashmere.

 Un angolo di mondo già rinomato per i suoi tessuti di qualità nel tredicesimo secolo quando a Galashiels, un piccolo centro a sud di Edimburgo, iniziarono le esportazioni di lana nelle Fiandre, dando vita ai primi canali commerciali di filati pregiati.

Una tradizione sostenuta anche dalla lunga e importante storia della Scuola di Tessile e Design facente parte dell’Università di Heriot-Watt a Edimburgo. Gli Scottish Borders hanno dato vita a una ricca varietà di stilisti nati e cresciuti in questa regione, che nel corso degli anni sono diventati grandi nomi della moda, ad esempio Vivienne Westwood, Chanel e Dior che hanno poi attinto alle abilità eccezionali dei lavoratori del tessile degli Scottish Borders.

Nelle sedi di questa raffinata catena artigianale produttiva si realizzano vere meraviglie in cashmere: citiamo Hawick una delle cittadine più attive che produce lussuosi prodotti in cashmere e lana merino nella Hawick Cashmere che produce indumenti di alta qualità dal 1874; ma tutti i centri di questa regione sono famosi per i loro prodotti in cashmere e lane pregiate.

Related Article

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: