New Generation: una sfida all’insegna del Cashmere

cashmere_capra_allevamento_about_cashmereOggi ci dedichiamo ad un argomento molto delicato e spinoso, specie di questi tempi: parliamo di imprese, di scommesse, di investimenti e anche di cashmere. Si perchè per molti ragazzi il cashmere si sta trasformando in una direzione da intraprendere, con una buona dose di passione: la crisi infatti sembra non aver ammalato totalmente il mercato dei beni di lusso e allora qualche giovane che ha perso il lavoro, che attende di trovarlo oppure disoccupato coglie al volo questa sfida.

Tra questi giovani coraggiosi ci sono Alberto Agnesina e Francesca Di Donato che hanno accettato questa sfida: lasciano Milano e si trasferiscono a Valsesia, allevando ben 13 capre da cashmere che pur richiedendo una certa cura e attenzione, non richiedono grandissimi costi di mantenimento.

La capra da cashmere inoltre si rivela preziosa per due motivi: non solo per la possibilità di poter ricavare il prezioso vello, ma anche perchè è un animale rustico che ripulisce i terreni ed è per questo molto richiesto per sostituire macchinari per i campi, un doppio business caro ai due giovani imprenditori dato che dei 300 grammi di cashmere ricavati dalla capra, il 60% è da scartare. Affermano infatti che al momento i loro ricavi non sono alle stelle ma lentamente stanno lavorando grazie alla cura dell’allevamento, alla vendita di animali e alla creazione dei manufatti “Valsesia Cashmere”. Il sogno è quello di poter ben presto avviare la filiera corta, così da poter avere ben presto dei ritorni economici dalla loro nuova attività.

Al momento si conta che siano ben cinquecento le famiglie che hanno deciso di scommettere, e investire tempo e denaro nel campo delle fibre nobili.

 

 

Related Article

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: