Everest Pashmina Nepal

Pashmina è il termine nepalese per dire “Cashmere”. Nel folklore Nepalese significa calore della lana e viene accostato, paragonato al calore dell’amore. L’uso della lana tosata da la “Himalayan Chyangra” il nome delle capre in Nepal, risale a molti millenni fa, e fa parte della storia e degli usi del Nepal.
Nel medioevo i nobili e gli aristocratici usavano la lana pregiata come pagamento o premio per le classi più modeste. Questi antichi popoli avevano l’esclusiva dei filati nel mondo poi i colonizzatori britannici arrivarono nel Kashmir in India, e fecero conoscere il cashmere all’occidente.

 

Everest Pashmina Nepal inizia la sua attività nei primi anni ’90; utilizzando il mix con la seta inventato nella valle di Kathmandu. La lucentezza elegante della Pashmina di seta mixata al cashmere attira l’attenzione di alcuni designer occidentali e le sciarpe intessute per il solo territorio nepalese diventa un accessorio di fama mondiale.

Pashmina prosegue negli anni la sua evoluzione e migliora sempre di più i prodotti, invadendo a breve il mercato anche in modo autonomo, per arrivare a oggi con un fiorente giro di affari che ruota intorno a prodotti artigianali di ottima qualità.Ora presente anche sul web con un sito dedicato alla lavorazione e ai prodotti finiti dove è possibile richiedere il catalogo delle collezioni che sono esportate in tutto il mondo.

Related Article

Commenti
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: